Ihre Browserversion ist veraltet. Wir empfehlen, Ihren Browser auf die neueste Version zu aktualisieren.

 

Karina Stieren

 

All’età di sei anni comincia a studiare il violino con Olga Sandor (Marl, Germania). 

In seguito all’età di undici anni la sua formazione prosegue con il Prof. Valery Gradow (Essen, Germania) e a 17 anni con la Prof. Rosa Fain con la quale si diploma in violino con il massimo dei voti alla Robert-Schumann-Hochschule di Düsseldorf.   

Vince numerosi premi dal concorso “Jugend musiziert” Germania sia con la parte solista sia nell’ambito della musica da camera, tra quelli quattro volte il secondo premio di Nordrhein-Westfalen.

Il prossimo passo della sua carriera è il concerto del “Künstlertreff”, Westfalenhalle, Dortmund, che viene trasmesso dalla televisione tedesca.  

A 16 anni prosegue la sua carriera concertistica come solista e in ensemble di musica da camera tra i quali:
Trio concertante Düsseldorf, Folkwangkammerorchester, Essen, Sinfonietta, Köln e Deutsche Kammerakademie, Neuss (assieme anche al soprano Hildegard Behrens, al baritono Thomas Quasthoff e al Windsbacher Knabenchor).

Sempre con la Deutsche Kammerakademie Neuss seguono incisioni discografiche del label cpo.

La sua attività concertistica si espande in Europa e Sudamerica.

Diversi pezzi musicali contemporanei vengono dedicati a lei.

Parallelamente si diploma in pedagogia musicale e conclude la formazione per l’insegnamento nel Metodo Suzuki.

A 25 anni inizia i suoi studi sugli effetti spirituali e terapeutici della musica, si diploma in consulenza Feng-Shui e terapia sciamanica.    

Dal 2006 a 2014 suona assieme al polistrumentista genovese Akshan (Enzo Placanica) nel Duo Karina Stieren-Akshan specializzato nella ricerca di nuove sonorità acustiche e nella musica classica indiana contemporanea.   

Oggi Karina Stieren diffonde le sue esperienze nelle lezioni di violino, nei concerti e trattamenti di musicoterapia e conduce il Centro della pace a Genova.

Politica dei cookie

Questo sito utilizza i cookie per memorizzare.

Si accetta?